Sciopero nelle scuole e il maestro pedofilo non torna in libertà

arresto

I genitori degli studenti delle scuole elementari e medie di Palosco, nella bassa Bergamasca, hanno protestato contro il possibile ritorno in libertà dell’ex maestro accusato di abusi su alcuni studenti. E per questo motivo non hanno mandato i loro figli a scuola. In classe, solo 4 bambini su 300.

Sugli striscioni, slogan come: “giustizia!”, “il colpevole c’è ed è da punire adesso”, “per non dimenticare, 17 aprile 2012”.
Lo sciopero però non si è reso necessario: gli arresti domiciliari all’insegnante, dopo un anno dalla data del suo arresto, sono stati prorogati.

L’insegnante, 63 anni, era stato arrestato lo scorso anno con l’accusa di abuso nei confronti di alcuni bimbi delle elementari.
Le violenze erano avvenute all’interno della scuola e l’insegnante era stato colto in flagranza di reato.
Aveva però ottenuto i domiciliari in una struttura religiosa.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concerto del primo maggio: escluso Fibra. 'Testi maschilisti'

Next Article

Quirinale, Bersani: "Non abbiamo colto l'opportunità Marini"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident