Scienze della Comunicazione, la studentessa: “Sono stata sorpresa (in positivo) della competenza dei professori”

Corriereuniv.it in occasione del lancio delle guide digitali di orientamento, studiate per gli studenti in tempo di Covid ha intervistato Caterina Frizzi. Studentessa di Comunicazione, Tecnologie e Culture Digitali – Sapienza Università di Roma

Caterina, quando hai scelto di studiare questo corso di laurea e quali sono le motivazioni che hanno guidato la tua scelta?
Ho scelto di studiare Comunicazione, Tecnologie e Culture Digitali soprattutto per il piano di studi, che ho trovato davvero interessante, attuale, completo. Inoltre, mio fratello si è laureato in questa stessa facoltà, e avevo avuto da lui un feedback molto positivo.

Durante il tuo percorso hai trovato materie di studio che non avevi valutato al momento dell’iscrizione?
Nel complesso, direi di no. Sono stata anzi sorpresa in positivo per quanto riguarda la competenza dei professori. Quasi tutti, anche nella didattica a distanza dovuta all’emergenza Covid, ci hanno fatto entrare nel loro mondo con grande entusiasmo. Tutte le materie trattate sono assolutamente fondamentali e coerenti con il percorso che abbiamo deciso di intraprendere.

Quali competenze avrai acquisito al termine del corso?
Le competenze che si acquisiscono grazie alla mia facoltà riguardano la comunicazione a tutto tondo: uno studio molto approfondito della sociologia (processi culturali, sociologia della comunicazione, fondamenti di scienze sociali), ma anche di tutto ciò che riguarda le nuove tecnologie, fino ad arrivare alla storia di televisione, musica, teatro. Al terzo anno, oltre ad iniziare ad orientarsi su un ambito della comunicazione in particolare (e quindi scegliere quali esami sostenere a seconda di come si vuole proseguire dopo la laurea triennale), è obbligatoria un’esperienza lavorativa nel campo che più si preferisce, che farà parte della valutazione finale.

Ti sei già indirizzata verso un ambito occupazionale o figura di lavoro specifici? Che lavoro vorresti fare?
Sono ancora indecisa, ma la scelta si divide tra il campo della pubblicità e il ‘’dietro le quinte’’ televisivo. Ho ancora tempo per decidere, e il corso di studi a cui sono iscritta mi darà sicuramente gli strumenti per capire quale sia la strada giusta da percorrere.

Conosci le prospettive occupazionali del tuo campo?
Il campo della comunicazione è davvero vasto, le possibilità sono moltissime; dopo la triennale, la Sapienza offre una vasta gamma di magistrali che permettono di approfondire il campo che capiamo fare per noi.

Mariella Bologna

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studiare Design, “Fin da bambina volevo diventare una designer” - la studentessa

Next Article

Assunzioni per il PNRR, i profili ricercati: economico, giuridico, informatico, ingegneristico

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident