Scandalo a luci rosse in Africa: sesso per voti nelle Università

Prestazioni sessuali, per altro condite da pressioni e turbamenti, per alzare la media universitaria o per poter accedere ai corsi di studi: non è l’Europa il teatro dello scandalo che si è abbattuto su alcune realtà accademiche, ma l’Africa.
E non si può neppure generalizzare troppo: esiste un’inchiesta giornalistica, quella di più di un’inchiestista, che ha individuato luoghi specifici e dinamiche altrettanto circostanziate. Le persone, gli insegnanti, che hanno messo in campo questa tipologia di trattamento nei confronti di alcune studentesse sono almeno quattro, mentre è possibile che il numero delle persone interessate loro malgrado in negativo da questa vicenda, cioè le vittime, sia ben più ampio. Le nazioni di cui si parla, poi, sono solo due: il Ghana e la Nigeria. Ma l’accento va posto nello specifico sull’università di Accra e su quella di Lagos: quelle sono le località coinvolte. Lì, alcuni professori, hanno operato mediante meccanismo corruttivo, teso a far sì che le giovani si concedessero. Ma il giornalismo, quello più audace, è stato in grado di sollevare il sipario.
Secondo quanto riportato da Dagospia, infatti, poco sarebbe emerso se non fosse stato per alcune giornaliste che hanno simulato di essere delle allieve. Uno stratagemma pericoloso, ma che è risultato decisivo. Anche per tirare fuori delle immagini che facessero da prova. Disposta, pur di svelare ogni arcano, a subire a sua volta quello cui sono state sottoposte le giovani studentesse africane, una inchiestita ha dichiarato a stretto giro: “Qualcuno come me un paio di anni fa non aveva nessuno che potesse difenderla. Vedo un nuovo impegno e sono fiduciosa che il documentario possa stimolare un cambiamento”. I virgolettati dell’autrice di questa impresa possono essere approfonditi pure su Il Mattino. In questa storia c’è spazio per la speranza e per guardare con positività al futuro, insomma, ma l’immoralità espressa dai professori sembra essere delimitata da confini davvero labili: viene raccontato un episodio in cui un professore rifletteva sul fatto di “passare” una studentessa nelle mani di un altro suo collega. Storie davvero macabre, che in ulteriori circostanze sfiorano persino l’ambito della pedofilia.
Esiste un documentario, che dura circa un’ora, della BBC Africa News. Le immagini non hanno bisogno di troppi commenti. E le prove in grado di fornire un quadro davvero sconcertanti sembrano essere più che sufficienti.
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Decreto scuola, via le impronte digitali per i dirigenti scolastici

Next Article

Diventare influencer? Arriva il primo corso triennale all'università

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.