Save the children: in Puglia figli senza laurea

Schermata 2013-05-20 a 10.28.11

”Mi hanno rubato la terza media”: e’ quanto scritto su una vetrofania, tra le tante, affisse a Bari, nella centrale piazza del Ferrarese, dai volontari di Save the Children sulle vetrine dei negozi per lanciare l’allarme infanzia. Iniziative simili sono in corso in numerose citta’ italiane. Il 69% dei genitori pugliesi afferma di aver dovuto fare i conti con la crisi. E poverta’ economica, spesso significa anche poverta’ d’istruzione, secondo i dati diffusi oggi.

Un cruccio per tanti genitori della Puglia e’ l’ammissione (per il 30% di madri e padri) di non poter pagare l’universita’ ai propri figli, i quali dovranno trovarsi un lavoro per contribuire alle spese (secondo il 18% dei genitori intervistati), oppure bisognera’ ricorrere a un prestito (12%). Secondo il 19% dei genitori i propri figli termineranno gli studi con il solo ciclo secondario superiore, e per il 3% non si potra’ andare oltre la scuola dell’obbligo. Per far fronte alla crisi in Puglia – riferisce la volontaria di Save The Children, Agnese Curri – l’84% dei genitori ha ridotto le spese per il tempo libero, per il vestiario (74%) e per le attivita’ sportive e ricreative dei figli (44%), ma anche per la spesa alimentare (32%).

Il 29% ritiene che i propri figli avranno piu’ difficolta’ di loro e, per piu’ di 1 genitore su 5, dovranno andare all’estero.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Guida lo scuolabus armato di pistola, arrestato

Next Article

Parte la carica delle 668 start up

Related Posts
Leggi di più

Film horror in una scuola media: studenti svenuti

È accaduto in una scuola di Cremona durante una supplenza. Proiettata la pellicola "Terrifier" vietata ai minori: gli alunni più sensibili hanno accusato malori e nausea. Lettera di protesta inviata al preside