Sardegna: scuola allagata. A ripulirla ci pensano gli studenti

scuola allagata sardegna alluvione

Scuola allagata: la ripuliscono gli studenti – È bastato un appello lanciato su Facebook e decine di studenti si sono armati di pala, guanti e stivaloni per ripulire la scuola devastata dall’alluvione che ha colpito la Sardegna negli scorsi giorni.

Succede ad Olbia, nell’istituto “Amsicora”, una delle scuole maggiormente danneggiate dalla bomba d’acqua che ha investito l’isola. Il preside dell’Amsicora ha lanciato un appello sui social network per liberare dal fango e dai detriti la scuola. In poche ore si sono presentati ai cancelli dell’istituto decine di studenti, in questi giorni costretti a rimanere a casa data la sospensione delle attività didattiche.

Insieme ai ragazzi, anche il preside, i docenti, il personale tecnico e amministrativo dell’istituto e persino numerosi ex studenti, tutti pronti a dare il loro contributo per ripartire dopo la devastazione dell’alluvione.

“Non ce lo aspettavamo e, perciò, ci ha fatto ancora più piacere – dichiara uno degli ex allievi accorsi all’Amsicora – Anche chi ha avuto la casa allagata è venuto a pulire la scuola, dimostrando una solidarietà non scontata”.

L’Istituto, costruito nei pressi di un canale, era stato recentemente dotato di nuove attrezzature: lavagne elettroniche e computer che non sono state risparmiate dalla furia dell’acqua. Ma proprio l’aiuto dei ragazzi e quello degli insegnanti hanno permesso di recuperare buona parte dei materiali digitali.

“I ragazzi e i nostri giovani docenti di elettronica ci stanno già mettendo mano – ha commentato il professore di religione del’istituto, Aurelio Erba – Hanno preso a cuore la situazione della scuola e stanno lavorando sodo. A chi parla di crisi delle giovani generazioni dico di venire a vedere ciò che sta accadendo nella nostra scuola, ma anche in tante altre della città”.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli studenti contro il ministro Carrozza: "Gli Atenei del sud rischiano di sparire. Subito mobilitazioni"

Next Article

L'allarme del presidente della Crui: “Persi 1 miliardo e 10.000 ricercatori”

Related Posts
Leggi di più

Tamponi a scuola, dal Governo arriveranno 92 milioni di euro ma i presidi attaccano ancora: “Le Asl non sono in grado di tracciare i contagi in classe”

Continua lo scontro tra il Ministero dell'Istruzione e i dirigenti scolastici ormai stremati dall'enorme carico di lavoro dovuto alla gestione dei casi Covid all'interno dei loro istituti. La sottosegretaria Barbara Floridia promette procedure più snelle e nuove risorse per far fronte all'emergenza. Giannelli (Anp): "Presidi ormai allo stremo".