San Marino e Italia, accordo siglato per il riconoscimento dei titoli universitari

Repubblica di San Marino e Italia hanno firmato, alla Segreteria di Stato alla Cultura, l’Accordo sul reciproco riconoscimento dei titoli universitari ai fini del proseguimento degli studi. L’Accordo, sottoscritto dal Segretario di Stato alla Cultura Romeo Morri e dall’Ambasciatore d’Italia Giorgio Marini, fa seguito – ricorda una nota – a quello firmato fra i due Paesi nel 1983 sul riconoscimento reciproco dei titoli di studio ed è stato negoziato in tempi rapidi, grazie alla disponibilità della parte italiana e all’intenso lavoro delle Segreterie di Stato agli Esteri e alla Cultura.

L’Accordo, che offre nuove possibilità di sviluppo delle relazioni culturali fra i due Paesi e di scambio di esperienze e di conoscenze in campo scientifico e universitario, va ad aggiornare l’intesa bilaterale sul riconoscimento dei titoli di studio alla luce delle numerose variazioni e riforme che sono intervenute dal 1983 ad oggi. «Un risultato importante – ha detto Morri – uno strumento utile ai nostri giovani e un’ ulteriore affermazione di amicizia fra Italia e San Marino e di riconoscimento, da parte italiana, della qualità della nostra Istituzione universitaria».
Fonte: Ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Kuros ludico, l'uomo si fa sagoma

Next Article

Discutere un nuovo regionalismo

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".