Salerno, visite specialistiche gratuite

fisciano.jpgAncora una prova di grande modernità ed efficienza per l’Università di Salerno: qualche giorno fa si è tenuta infatti, presso la zona adiacente all’ufficio postale, l’inaugurazione del nuovo centro Polispecialistico dell’università che permetterà assistenza sanitaria ai 50 mila studenti ed ai 1500 dipendenti del campus.
Presenti all’inaugurazione il magnifico rettore, prof. Raimondo Pasquino, e il direttore generale dell’Asl Salerno 2, Federico Pagano. La costruzione del nuovo centro offre una concreta risposta alle esigenze ed alle richieste fino ad oggi presentate nella necessità di essere muniti di un tale servizio.
Il centro Polispecialistico fornirà visite specialistiche (dentista, dermatologo, ginecologo, oculista, otorinolaringoiatra) gratuite per tutti gli studenti. Il personale dipendente, se dovuto, dovrà invece pagare l’apposito ticket. L’attività di ambulatorio era già attiva a Salerno da diversi anni ma si pensava, già da molto tempo, ad un centro che fosse munito di personale medico ed infermieristico e di un’ambulanza attrezzata.
Il servizio sarà disponibile dal lunedì al venerdì, dalle ore 08:30 alle ore 19. Salerno inoltre è la prima Università italiana a prevedere un centro medico-assistenziale al suo interno e questo, oltre ad essere una ragione di grande vanto per gli addetti ai lavori, è anche un segnale d’esempio per gli altri atenei italiani che sono testimoni, ogni giorno di più, della continua crescita del campus salernitano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Junior Controller per Bialetti

Next Article

Cooperazione scientifica senza confini

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".