Safran cerca ingegneri in Italia

Safran cerca ingegneri

Safran cerca ingegneri Il maxi gruppo francese leader mondiale nel settore aeronautica e sicurezza, cerca ingegneri in Italia. Questo l’annuncio fatto dall’amministratore delegato Jean-Paul Herteman in un’intervista a Il Sole 24 Ore.

Delegati dell’azienda stanno incontrando i responsabili del Politecnico di Torino e di Milano e della scuola superiore di Sant’Anna di Pisa alla ricerca di competenze e talenti. Ogni anno, infatti, Safran assume 5000 ingegneri, che vanno a rafforzare i 62.500 attualmente in attività.

Grandi numeri che descrivono solo in parte il colosso francese: un gruppo che ha fatturato quasi 14 miliardi di euro nel 2013 (+ 15,5% sul 2012) e che prevede nel biennio 2011-2013 investimenti autofinanziati in ricerca e impianti industriali per 4,9 miliardi. L’interesse di Safran per il Bel Paese è testimoniato, anche, dalle partnership con Finmeccanica, Augusta e Avio (società di progettazione e sviluppo di propulsori aerospaziali) nonché dalla partecipazione di ricercatori italiani al programma del vettore spaziale Ariane.

D’altra parte, come ha mostrato un recente rapporto di Confindustria, l’Italia rimane agli ultimi posti nella graduatoria dei paesi che attraggono investimenti esteri. Ragione in più per non perdere l’opportunità proposta da Safran.

Un’azienda che crede fortemente nei suoi dipendenti. Basti pensare che questi possiedono circa il 15% della società, hanno tre rappresentanti nel consiglio d’amministrazione e che il 50% di loro sceglie di reinvestire i premi in azioni del gruppo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Disoccupazione: alleanza europea per l'apprendistato

Next Article

La fine del mondo tra due miliardi di anni

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.