Disoccupazione: alleanza europea per l’apprendistato

l'Europa per l'apprendistato

Europa per apprendisti Ieri a Lipsia è stata inaugurata l’Alleanza europea per l’apprendistato.

Inserita nel quadro delle iniziative comunitarie “Ripensare l’istruzione” e nel Pacchetto sull’occupazione giovanile, l’Alleanza si propone di individuare i programmi di tirocinio più efficaci attivati nei Paesi dell’Unione e di studiare soluzioni specifiche per ciascun contesto nazionale.

Alla presentazione, i commissari europei Androulla Vassiliou (Istruzione, cultura, multilinguismo e gioventù) e László Andor (Occupazione, affari sociali e inclusione) hanno chiarito gli obiettivi della nuova organizzazione: lottare contro la disoccupazione giovanile, migliorare la qualità della formazione professionale e aumentare l’offerta di contratti di apprendistato in tutta l’UE.

Per il conseguimento di tali obiettivi l’Alleanza si avvale di diversi partner europei come la Confederazione europea dei sindacati e l’Unione europea dell’artigianato e delle piccole e medie imprese, mentre le iniziative saranno finanziate dal Fondo sociale europeo e dal programma Erasmus+, il nuovo programma UE per l’istruzione, la formazione e la gioventù.

“A fronte dei livelli inaccettabili di disoccupazione giovanile è necessario che i responsabili dell’istruzione e dell’occupazione collaborino urgentemente per agevolare il passaggio dei giovani europei dalla scuola al mondo del lavoro – ha affermato il commissario László Andor – L’apprendistato può svolgere un ruolo cruciale nella lotta alla disoccupazione giovanile, dotando i giovani delle competenze e dell’esperienza richieste dai datori di lavoro”.

In questo contesto l’Alleanza invita tutti i possibili partner (autorità pubbliche, imprese, sindacati, camere di commercio, centri di istruzione e formazione professionale, rappresentanti delle organizzazioni giovanili e servizi per l’occupazione) a collaborare al fine di promuovere apprendistati di alta qualità e rilanciare l’occupazione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Corso di medicina in inglese, 52 posti alla Cattolica

Next Article

Safran cerca ingegneri in Italia

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"