Sacconi: formazione life long learning

sacconi111.jpgRivoluzione Copernicana nel settore della formazione. A proporla è il ministro del Welfare Maurizio Sacconi. L’idea è quella di dar vita ad un processo di rinnovamento che abbia come focus il settore occupazionale.
“Mi propongo l’obiettivo di una sorta di rivoluzione copernicana della formazione – ha detto il ministro Sacconi in diretta su Radio 1 – fondata in particolare sull’idea che la formazione migliore si fa nel luogo di lavoro, e che l’apprendimento si deve verificare periodicamente in relazione alle effettive competenze che ha acquisito il lavoratore”.
Sulla stessa onda dei dati Ue, che usciti qualche giorno fa sottolineavano l’esigenza di lavoratori più qualificati, Sacconi ha voluto ricordato l’importanza della formazione continua, e ha sottolineato come sia fondamentale per tutti i lavoratori che in questo momento sono costretti all’inattività, perché capace di offrire loro degli sbocchi occupazionali alternativi.
“L’investimento nelle conoscenze e nelle competenze e il relativo diritto del lavoratore – ha specificato – hanno un contenuto primario, insieme alla salute e la sicurezza nel lavoro”. Una nuova visione, quindi, quella proposta dal Ministro che dovrebbe svilupparsi specialmente nel campo del lavoro.
Il ministro ha comunque sottolineato che qualcosa nel settore occupazionale inizia a muoversi. “I segnali positivi sono evidenti e su di questi bisogna far leva per aumentare il circuito virtuoso della crescita”. I dati Istat sulla produzione industriale sembrano parlar chiaro “Soprattutto sul dato congiunturale – ha sottolineato Sacconi – i segnali positivi sono molti. Riguardo i dati del Pil, si tratta di dati aggiustati e riferiti a situazioni già pregresse e note. Sono solo una conferma di un crollo della domanda globale che ha effetti su una economia fortemente manifatturiera come la nostra”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

UCBM, i "Bella" vincono il Marinozzi

Next Article

Sapienza militarizzata per GheddafiFrati: "Ateneo moderna agorà"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.