Rossi-Doria: scuola, troppi tagli nel passato, peggio che in guerra

“Tornare ad investire è vitale, nemmeno in guerra si è tolto così tanto all’Istruzione” – afferma il sottoseregretario all’Istruzione Marco Rossi-Doria, che continua – ” Chiunque governerà questo Paese deve poter sostenere l’azione quotidiana della scuola”.

Schermata 2013-01-14 a 11.49.57

“Tornare ad investire è vitale, nemmeno in guerra si è tolto così tanto all’Istruzione” – afferma il sottoseregretario all’Istruzione Marco Rossi-Doria, che continua – ” Chiunque governerà questo Paese deve poter sostenere l’azione quotidiana della scuola”.

“La scuola italiana e’ stata indebolita da un disinvestimento culturale e politico che si e’ tradotto in tagli per 8,4 miliardi di euro nel triennio 2008-2011. E’ una somma enorme – spiega -, che ha intaccato da allora le risorse correnti. Quando, tra qualche anno, si studierà questa cosa, ci si troverà dinanzi a una vera e propria cesura nella storia d’Italia”.

Infatti, ne’ in tempi di penuria economica, come all’avvio dello Stato unitario, ne’ durante le guerre, ne’ nei periodi di crisi e di ricostruzione si erano tolti cosi’ tanti soldi al sistema d’istruzione”. ”Ora – aggiunge – e’ assolutamente vitale riprendere una seria politica di investimento. Ci vuole una stagione capace di produrre un’inversione di tendenza, un cambio di rotta. Bisogna, infatti, passare dalla logica della spesa a quella dell’investimento”.

Rossi-Doria ricorda alcuni numeri positivi del sistema scolastico italiano, come i 200 mila bambini e ragazzi con disabilità integrati in classe e i 750 mila bambini e ragazzi stranieri che ”ormai parlano italiano come prima lingua”. Meno bene, sottolinea, il fronte dell’edilizia scolastica, mentre va migliorato il livello di apprendimento per tutti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bidello arrestato: suonava la campanella in anticipo

Next Article

Concorsone, ecco le date della seconda parte

Related Posts
Leggi di più

Spari in classe, la prof adesso vuole querelare la Littizzetto

La docente colpita da alcuni pallini di plastica partiti da una pistola ad aria compressa ha intenzione di denunciare la comica torinese dopo le sue esternazioni in radio. "Se l'hanno colpita è anche colpa sua" aveva detto. Intanto per gli studenti protagonisti dell'episodio a scuola sono scattati i lavori socialmente utili.