Bidello arrestato: suonava la campanella in anticipo

Schermata 2013-01-14 a 12.52.08

Arrestato per troppa negligenza. Xiao Yulong, di professione bidello, è stato arrestato in Cina per aver suonato la campanella con 5 minuti d’anticipo. Il “Times of India” racconta la storia di Xiao che, durante un esame di Stao, avrebbe suonato la campanella finale con – precisamente – 4minuti e 48secondi d’anticipo rispetto a quanto previsto dal regolamento.

La prova consisteva in un test nazionale per accedere all’Università, con pochissimi posti disponibili.

Gli studenti, una volta resisi conto del tempo in meno a disposizione, hanno cominciato a protestare, supportati dai loro genitori. La scuola ha subito avviato un’indagine interna, che ha portato alla scoperta del bidello. L’uomo è stato condannato ad un anno di prigione, accusato di aver causato un “grave danno sociale”.

 

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maria Chiara Carrozza lascia il rettorato e si candida col PD

Next Article

Rossi-Doria: scuola, troppi tagli nel passato, peggio che in guerra

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".