"Romateatrofestival" la scuole di teatro in concorso

Si terrà nel mese di giugno la settima edizione del ROMATEATROFESTIVAL, manifestazione internazionale rivolta alle Accademie e alle Scuole professionali dello spettacolo organizzata dalla Compagnia Teatrale “Legge 180”.
Il Festival intende mettere a confronto gli allievi delle Scuole partecipanti in tutti gli ambiti dello spettacolo dalla prosa al teatro-danza, dal musica al clownesco e vanta il patrocinio dell’Unesco, della Presidenza della Repubblica, del Senato e della Camera.
Durante la serata finale del Festival, alla presenza di tutte le scuole partecipanti, verrà assegnato il Premio Gemini d’Oro: Miglior Spettacolo, Miglior Regia, Migliori Coreografie, Migliori Scene, Migliori Costumi, Miglior Voce, Miglior Attrice, Miglior Attore.
Verranno inoltre assegnati, da parte dell’Organizzazione del Festival, anche due premi speciali: Premio Sofia Amendola che sarà assegnato a chi si sarà distinto per intensità, grinta e carica interpretativa e il Premio Stile in Scena, al/alla costumista che avrà maggiormente curato originalità e cura dei dettagli realizzativi dei costumi di scena.
Il bando è scaricabile dal sito www.romateatrofestival.com e le domande di partecipazione si devono inviare necessariamente entro il 28 febbraio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Unicam, iniziative per gli studenti delle superiori

Next Article

L'Udu continua la sua battaglia contro il numero chiuso

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.