Unicam, iniziative per gli studenti delle superiori

In questi giorni l’ateneo di Camerino ha aperto le sue aule a circa 300 studenti provenienti delle scuole superiori per offrirgli l’opportunità di partecipare a due interessanti iniziative: la preparazione alle Olimpiadi Italiane di Fisica e gli “Stage in Unicam”.
Proprio oggi si sono conclusi gli allenamenti di oltre 50 studenti provenienti da 12 diverse scuole della Regione Marche per la preparazione alle Olimpiadi Italiane di Fisica. Il Consiglio di Scienze e Tecnologie Fisiche dell’Università di Camerino, in accordo con il Gruppo Olimpiadi dell’AIF (Associazione per l’Insegnamento della Fisica), fornirà, anche quest’anno, assistenza e supporto didattico agli studenti delle Scuole Superiori che parteciperanno all’evento.
L’attività di assistenza didattica è stata offerta a tutti gli studenti che hanno superato la gara di primo livello presso i vari istituti e sono stati ammessi alla gara regionale (secondo livello).
L’iniziativa Stage in Unicam si svilupperà, invece, in due momenti dal 4 al 6 e dall’11 al 13 febbraio e darà l’opportunità a oltre 250 studenti di avere un primo contatto con il mondo universitario partecipando a lezioni e a progetti di ricerca al fianco dei docenti Unicam, avendo la possibilità di conoscere, anche attraverso le testimonianze dirette di chi ha già fatto la scelta universitaria, i percorsi formativi, le strutture, le opportunità e i servizi che le Facoltà mettono loro a disposizione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Se Veterinaria si dà all'ippica

Next Article

"Romateatrofestival" la scuole di teatro in concorso

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".