Roma veste il Kimono e si avvicina all'oriente

invito-kimono.jpgIl Ministero dei Beni e Attività Culturali ha inaugurato ieri al mostra dedicata all’abbigliamento femminile orientale “Kimono”. L’esposizione si presenta come un interessante viaggio nell’abbigliamento in uso presso l’estremo oriente attraversando Giappone, Cina e Corea.
La mostra, infatti, è stata suddivisa in due fasi: la prima prevede l’esposizione di una selezione di materiali antichi relativi alla Cina e al Giappone, nella seconda, a partire dal 12 maggio, saranno presentati anche materiali coreani moderni, che saranno visibili nell’ambito della mostra “Ornamenti del costume femminile tradizionale coreano”, realizzata in collaborazione con l’Ambasciata della Repubblica di Corea in Italia e l’Associazione dei coreani in Italia.
Visitando “Kimono”, presso il Museo Nazionale d’Arte Orientale “Tucci”, potrete ammirare vesti di fattura cinese e giapponese dei secoli XVIII-XX, corredate da accessori quali scarpe, ventagli, portaventagli. Inoltre, direttamente dalle collezioni del museo, sono state esposte anche fotografie e ritratti relativi all’epoca delle vesti.
L’esposizione resterà allestita fino al 15 maggio. Interessanti iniziative sono state associate a Kimono: il 22 marzo è previsto un laboratorio dedicato agli Origami, all’arte orientale di piegare la carta mentre il 5 aprile ci sarà un incontro incentrato sull’Ikebana, ovvero l’arte di disporre i fiori in composizioni straordinarie.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giovani tirocinanti Bayer a Milano

Next Article

Unimore, giornata dedicata ai laureandi

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".