Roma Tre, Baghdad risorge grazie allo sport

Prosegue il nuovo ciclo di seminari sullo sport nelle metropoli dal titolo “In Facoltà, per sport”.

Prosegue il nuovo ciclo di seminari sullo sport nelle metropoli dal titolo “In Facoltà, per sport”. Dopo il primo appuntamento, dedicato a Buenos Aires, La Corsa di Miguel e l’Ufficio Iniziative Sportive dell’Università Roma Tre presentano per mercoledì 15 febbraio 2012 un seminario dedicato a Baghdad, una città spesso al centro delle cronache internazionali per eventi drammatici e luttuosi, raccontata stavolta però attraverso lo sport. Anche nell’Iraq postbellico, infatti, si fa sport e la Baghdad Marathon ne è uno straordinario esempio. 

Al centro del dibattito, l’incredibile avventura degli organizzatori di questa maratona e come la capitale irachena stia cercando di ritornare alla vita anche attraverso lo sport. L’obiettivo è quellodi ribaltare gli stereotipi che forse troppo spesso condizionano il modo di vedere ed immaginare la capitale irachena. 

Prenderanno la parolaFabio Alberti, attivista politico, fondatore della ONG “Un Ponte Per” e portavoce del “Forum per la pace, i diritti umani e la solidarietà internazionale” della Provincia di Roma, Nicola Visconti, Presidente di Sport Against Violence e organizzatore della Baghdad Marathon, Pino Papaluca, che nel 2000 corse per 1012 chilometri nel deserto iracheno da Amman a Baghdad, e Gabriella Stramaccioni, ex azzurra di atletica tra le fondatrici dell'”Associazione Libera”. Moderatore: Valerio Piccioni, capo della redazione romana della Gazzetta dello Sport e promotore della Corsa di Miguel

Appuntamento quindimercoledì 15 febbraio 2012 alle ore 16 presso l’aula 3bis della Facoltà di Giurisprudenza, in via Ostiense 139.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli studenti replicano a Giovanardi "siamo stanchi di vedere queste discriminazioni sessuali"

Next Article

Sapienza, architetti senza futuro

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"