Gli studenti replicano a Giovanardi “siamo stanchi di vedere queste discriminazioni sessuali”

L’Unione degli Universitari e la Rete degli studenti Medi si indignano profondamente dinnanzi a queste dichiarazioni omofobe. Dicono gli studenti: .

Il Senatore PDL Giovanardi ci casca di nuovo. Dopo aver abituato gli italiani con dichiarazioni omofobe della serie <<Il bunga-bunga va bene, purché sia tra uomo e donna>>, l’ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri ha dichiarato durante un’intervista telefonica non solo che l’educazione sessuale nelle scuole debba insegnare ai più piccoli che <<Ci sono organi costruiti per ricevere e organi costruiti per espellere>>, ma anche che vedere due donne baciarsi è fastidioso come vedere un cane che fa pipi per strada.

L’Unione degli Universitari e la Rete degli studenti Medi si indignano profondamente dinnanzi a queste dichiarazioni omofobe. Dicono gli studenti: <<siamo stanchi di vedere queste discriminazioni sessuali e soprattutto siamo stanchi di sopportare una larga fetta di classe politica dirigente inerme dinnanzi a ciò>>.

Gli studenti si riferiscono alle opposizioni fatte in Parlamento da alcuni Partiti sulla proposta di legge contro l’omofobia che puniva le aggressioni e gli atteggiamenti violenti contro gli omosessuali.

Concludono <<il nostro paese dovrebbe prendere esempio dalla Svezia e punire gli atti omofobi, anche le dichiarazioni, senza che essi si celino dietro la “libertà di espressione”>>.

L’appello che l’UDU e la Rete lanciano è rivolto non solo alla società civile, affinché continui a lottare in maniera compatta per un’integrazione reale e concreta, ma anche e soprattutto alla classe politica affinché questa cambi rotta e assuma una posizione chiara e decisa contro l’omofobia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università social-addicted

Next Article

Roma Tre, Baghdad risorge grazie allo sport

Related Posts
Leggi di più

Orientasud, torna il salone per i ragazzi del Meridione. Berriola: “Aziende non trovano giovani”

a mercoledì 3 a venerdì 5 novembre, tre giorni di evento nel segno dei giovani. Orientamento, informazioni, opportunità di studio e scambi, colloqui, seminari e workshop per sostenere le scelte formativo-professionali dei ragazzi. Grazie alla piattaforma Natlive e al canale live streaming disponibile, il salone potrà essere seguito in diretta da tutto il Paese.