Roche, crescere in una realtà internazionale

img_8238.jpg“L’obiettivo di Roche è quello di attrarre persone che abbiano voglia di crescere in un contesto internazionale, magari mettendo in conto un periodo di lavoro all’estero e comunque in una realtà sempre più focalizzata sullo sviluppo del potenziale delle persone”. Paola Canavesi, specialista di selezione Roche Italia, ci spiega come entrare nella loro realtà.

Partiamo dal vostro Gruppo. Di cosa si occupa nello specifico?
Roche è una azienda farmaceutica leader nel mercato delle biotecnologie e nel mercato ospedaliero in Italia e nel mondo. Produciamo farmaci in grado di cambiare la vita delle persone: oncologia, anemia, trapiantologia e ancora virologia, nefrologia, reumatologia sono le nostre aree di eccellenza. Produciamo farmaci destinati ai medici ospedalieri che vengono, quindi, somministrati direttamente in ospedale e che mettono a disposizione dei pazienti soluzioni terapeutiche personalizzate.

Quali sono le lauree che maggiormente vi interessano?
Sicuramente lauree scientifiche come quella in medicina, laurea estremamente importante perché cerchiamo costantemente medici che si occupano di sviluppare protocolli di ricerca dei farmaci in sperimentazione o già in commercio ma con potenzialità di ulteriore sviluppo. Quindi laurea in medicina piuttosto che in chimica e tecnologie farmaceutiche, in farmacia, in biologia per ruoli sempre legati allo sviluppo degli studi clinici o al marketing, area di sempre maggiore investimento. Assumiamo anche persone con un buon profilo economico o con una laurea in ingegneria gestionale per le funzioni di staff (Finance, Human Resources, Marketing Researches), per il sito produttivo di Segrate o per il Marketing.

Per le lauree in medicina preferite candidati con una specializzazione?
Non è facilissimo trovare medici interessati a lavorare in azienda, quindi siamo aperti a tutte le figure che ruotano nel settore, con una preferenza per le specializzazioni in oncologia e reumatologia.

Nel curriculum del vostro candidato ideale considerate anche l’università di provenienza?
Non particolarmente. Quello che fa la differenza è il tempo che si è impiegato per concludere il percorso universitario, ma sicuramente ciò che fa la differenza sono le caratteristiche personali. Cerchiamo giovani neolaureati che abbiamo voglia di mettersi in gioco, che siano positive e aperte alle relazioni. La nostra è una realtà estremamente complessa, che richiede una interazione costante con gli altri colleghi e con l’internazionale. La conoscenza della lingua inglese è quindi chiave.

Cosa richiedete ad un neolaureato?
Oltre a quanto citato sopra, richiediamo la voglia di imparare e lavorare con passione. Prendiamo in considerazioni anche giovani di potenziale alla prima esperienza perché riteniamo che le competenze tecnico scientifiche possano essere apprese mentre quelle comportamentali no. Quest’anno abbiamo lanciato un New-graduate Programme che prevede l’inserimento di neolaureati in diverse aree aziendali (HR, Finance, Marketing, Sales, Marketing Research) Indipendentemente dall’area di inserimento queste persone seguiranno un percorso formativo in aula che prevede lo sviluppo di diverse competenze, dalla conoscenza del settore farmaceutico, a quella degli elementi base di finance, all’acquisizione di capacità di parlare in pubblico.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Neolaureati "tecnologici" in Accenture

Next Article

La conversione al digitale passa per La Sapienza

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.