Rispondere al turismo

Torre del Greco è la sede italiana dell’Università del Turismo di Tirana

L’Università Europea del Turismo di Tirana diretta dal rettore Salvatore Messina sbarca in Italia e sarà inaugurata lunedì 22 febbraio alle 12.00 al Palazzo Baronale di Torre del Greco.
Con un organico di ben 52 docenti da ogni parte d’Europa più 16 docenti dei Balcani, l’università del turismo si propone lo scopo è di preparare figure specializzate negli ambiti turistici e culturali di tutta Europa. “Il rilancio del territorio torrese passa soprattutto attraverso la qualificazione dei nostri giovani in un confronto europeo, indispensabile per produrre un modello di sviluppo sostenibile” ha dichiarato il sindaco di Torre del Greco Ciro Borriello.
Oggi un turista è una figura diversa rispetto a venti o trent’anni fa, è un soggetto esigente che vuole concordare tra loro più attività, le matricole quindi dovranno imparare a giostrarsi tra le mille richieste del turismo di massa. Ciò avverrà attraverso i corsi di laurea come economia del turismo, ristorazione, gestione dei servizi ma anche master di primo livello in tecnologia dell’informazione e della comunicazione e hotellerie.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

SinAPSi cerca un e-tutor

Next Article

Giovani e Onu

Related Posts
Leggi di più

Occupazioni e cortei per ricordare Lorenzo: il 28 gennaio manifestazione a Roma contro l’alternanza scuola-lavoro

Studenti di nuovo in piazza per protestare contro i progetti PCTO che a Udine sono costati la vita a Lorenzo Parrelli, morto a 18 anni al suo ultimo giorno di stage in un'azienda di Udine. Venerdì prossimo ci sarà una manifestazione nazionale a Roma mentre a Bologna oggi è stato occupato un liceo scientifico: "Vendetta per Lorenzo".
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"