Ricercatori del Cnr: “Correre ringiovanisce il cervello”

A female road runner runs down a road at dusk at Independence Pass.

Correre ringiovanisce il cervello – La scoperta è stata fatta da una equipe di ricercatori dell’Istituto di biologia cellulare e neurobiologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibcn-Cnr): per la prima volta è stato dimostrato che la corsa può stimolare la produzione di nuovi cellule staminali capaci di rallentare l’invecchiamento del cervello e di preservare alcune capacità fondamentali, in primis la memoria.

“Questa ricerca ha scardinato un dogma della neurobiologia – commenta Stefano Farioli-Vecchioli, coordinatore della ricerca – Finora si pensava che il declino della neurogenesi nell’età adulta fosse irreversibile”.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Stem Cells, è stata condotta su topi privi del gene Btg1, che in condizioni normali agisce come un freno alla proliferazione delle cellule staminali. Incitando i roditori a correre, gli studiosi hanno osservato che “nel cervello adulto un esercizio fisico aerobico come la corsa blocca il processo di invecchiamento e stimola una massiccia produzione di nuove cellule staminali nervose nell’ippocampo, aumentando le prestazioni mnemoniche”.

“La scoperta pone le basi per ulteriori ricerche mirate ad aumentare la proliferazione delle staminali adulte nel cervello e su topi modello di malattie come Alzheimer e Parkinson – prosegue Farioli-Vecchioli – I risultati avranno delle implicazioni molto importanti per la prevenzione dell’invecchiamento e della perdita di memorie ippocampo-dipendenti”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La classifica dei 10 libri più venduti nella Storia

Next Article

Carta o digitale? Come si preparano gli studenti universitari? Ecco il rapporto AIE

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.