Ricerca, borse di studio Human Technopole

Un programma per mettere le risorse e le infrastrutture di Human Technopole a disposizione di giovani ricercatori all’inizio della propria carriera incentivandoli a sviluppare in Italia i propri progetti scientifici. Questo l’obiettivo del bando lanciato oggi da Human Technopole, l’istituto italiano di ricerca per le scienze della vita, in collaborazione con il Ministero dell’Università e della Ricerca.

La prima edizione dell’Early Career Fellowship Programme di Human Technopole permette a cinque giovani scienziati di competere per una borsa di studio di 200.000 euro all’anno per cinque anni, per un investimento complessivo di 5 milioni di euro.

Il programma è aperto a giovani di ogni nazionalità che abbiano completato un dottorato di ricerca negli ultimi otto anni. Condizione vincolante è la scelta di un istituto di ricerca o un’università italiana per sviluppare il proprio progetto di ricerca. I candidati saranno selezionati secondo stringenti criteri di eccellenza scientifica in base a progetti che siano in linea con le aree di ricerca di Human Technopole: genomica, neuro-genomica, biologia strutturale, biologia computazionale e analisi dati.

Le commissioni di valutazione, una per ogni area di ricerca, saranno composte da ricercatori di profilo internazionale nel campo delle scienze della vita e in prevalenza esterni a Human Technopole, tra cui anche un esperto nominato dal Ministero dell’Università e della Ricerca.

L’iniziativa è in linea con la missione di Human Technopole di essere un centro di ricerca aperto e collaborativo che mette le proprie risorse ed infrastrutture a disposizione dell’intera comunità nazionale.

Il direttore della Fondazione Human Technopole Iain Mattaj sottolinea: “Si apre oggi la prima edizione dell’Early Career Fellowship Programme, un investimento importante per Human Technopole perché i fondi stanziati permetteranno, a partire dal prossimo anno, a cinque giovani scienziati di avviare in Italia la propria attività di ricerca. Si tratta della prima di una serie di iniziative e progetti di Human Technopole per favorire lo scambio di idee e la formazione della prossima generazione di scienziati. La promozione dell’eccellenza scientifica e delle opportunità di formazione sono infatti due elementi al cuore della nostra missione”.

Dichiara il Ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi: “Una delle sfide alle quali il nostro Paese deve rispondere, per essere in prima linea a livello internazionale, è favorire attività di ricerca e integrazione di progetti da sviluppare in una logica di open innovation e di collaborazione costante tra pubblico e privato. In quest’ottica si pone l’iniziativa di Human Technopole, un’opportunità concreta non trascurabile per i ricercatori che beneficeranno delle cinque borse di studio, che consentirà loro un accesso libero e competitivo alle grandi infrastrutture di ricerca, con una qualità all’altezza di standard internazionali e la possibilità di incentivare sistemi di relazioni e connessione tra saperi”.

Il bando è aperto da oggi e consultabile sul sito di Human Technopole, nella seziona “Lavora con noi”. La scadenza per presentare la propria candidatura è il 31 gennaio 2021.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Covid, lo scienziato britannico: "Vaccino non basterà, virus diventerà un'influenza stagionale"

Next Article

Docenti chiedono rinvio del concorso: "Arginare i danni di quella che si configura come bomba di contagi"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.