Ricerca altoatesina, fondi per 3,4 milioni

finanziamentiricerca.jpgFinanziare progetti per sviluppare la ricerca scientifica sul territorio altoatesino. Questo l’obiettivo del bando di concorso promosso dalla provincia di Bolzano che mette a disposizione 3,4 milioni di euro di finanziamenti, con la scadenza per la presentazione delle domande fissata al 30 settembre.
«L’obiettivo di questo bando – ha sottolineato l’assessore provinciale alla Cultura, Sabina Kasslatter Mur – è quello di incentivare lo sviluppo di progetti in grado, non solo di elevare il livello dei singoli ricercatori, ma di migliorare il profilo di enti e istituti di ricerca locali, con positive ricadute su tutto il territorio altoatesino».
Per quanto riguarda la Provincia di Bolzano, si tratta del primo bando di questo tipo, previsto dalla legge provinciale sull’innovazione e la ricerca del dicembre 2006. Il concorso, che mette sul ‘piatto’ 3,4 milioni di euro di finanziamenti – 300mila euro il contributo massimo per ogni singolo progetto – è rivolto a progetti di ricerca scientifica in tutte le discipline, con una durata massima di tre anni. Tutti i progetti presentati verranno vagliati da una giuria di esperti, «in modo da garantire una valutazione il più possibile obiettiva e di alto livello», ha spiegato Kasslatter Mur.
Tra i criteri utilizzati per la selezione dei progetti la corrispondenza agli standard internazionali, gli aspetti innovativi, la qualità e il potenziale del lavoro di ricerca, nonché la cooperazione e l’importanza per lo sviluppo del territorio. Le domande di iscrizione al bando devono essere consegnate presso l’Ufficio per il Diritto allo Studio, l’Università e la Ricerca Scientifica di Via Andreas Hofer 18, a Bolzano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lub sul podio, biblioteca coi fiocchi

Next Article

Venditori di perle nelle regioni del nord

Related Posts
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".