Ricerca ai Poli, milioni da scongelare

antartidef1.jpgSi chiude l’anno polare internazionale e già si fa il punto sullo stato e sulle prospettive della ricerca scientifica italiana. Le due aree maggiormente strategiche del pianete, l’Artide e l’Antartide, hanno richiamato l’attenzione di alcuni dei protagonisti scientifici e politici della ricerca.
L’appuntamento è stato fissato a Rieti, dove sul tavolo sono stati posti grandi temi come il riscaldamento globale, ma anche cifre e numeri sicuramente da incrementare. Gli stanziamenti statali per la ricerca ai Poli sono infatti stati ridotti nell’arco degli ultimi tre anni di due terzi, arrivando a soli 10 milioni nel 2008.
Ad incrementare le aspettative dei ricercatori ci ha pensato, invece, Giuseppe Pizza, sottosegretario all’Università e alla Ricerca Scientifica, che ha annunciato l’intenzione di creare un’agenzia per la ricerca ai Poli, sul modello di quelle già create da numerosi altri paesi europei. “Sarà una struttura organica – ha sottolineato Pizza – che vedrà la partecipazione di pubblico e privato e potrà assicurare alla ricerca non meno di 20-30 milioni ogni anno”.
Una curiosità, invece, proviene dal fatto che l’ultima campagna italiana è stata guidata da una donna con uno staff prevalentemente composto da ricercatrici italiane, tutte specializzate in settori di avanguardia e tutte rigorosamente precarie.

Anna Di Russo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Val d'Aosta verso il campus universitario

Next Article

Istruzione tecnica, obiettivo rilancio

Related Posts
Leggi di più

Muore in un incidente prima della discussione della tesi ma l’università precisa: “Non era in programma nessuna laurea”

Giallo sulla morte di Riccardo Faggin, studente di 26 anni iscritto alla facoltà di Scienze infermieristiche dell'Università di Padova. Si è schiantato contro un albero a pochi metri da casa dove era tutto pronto per festeggiare la sua laurea. Ma l'ateneo ha precisato che il suo nome non era nell'elenco dei laureandi.