Rettori oltre la scadenza, Gelmini: “Hanno aggirato la legge”

l’ex Ministro MariaStella Gelmini

L’ex ministro Mariastella Gelmini che firmò la legge che fissava a 6 anni il limite temporale per la durata degli incarichi dei Rettori italiani, risponde a Corriere dell’Università sui numerosi casi di rettori italiani che restano in carica nonostante la scadenza del mandato.

“La legge parla chiaro e stabilisce che un rettore possa rimanere in carica al massimo per sei anni. Qualcuno ha cercato attraverso un escamotage di rimanere in carica un anno in più attraverso un contenzioso portato innanzi al Tribunale Amministrativo e credo che sia un modo chiaro per aggirare la legge. E’ stato un errore.

In ogni caso   la legge mantiene la sua validità perché dopo quest’anno di proroga concesso per garantire l’approvazione degli statuti, non si potrà prorogare oltre il mandato dei rettori in carica. L’immagine dell’Università italiana ne esce compromessa. Credo che invece bisognerebbe dare più spazio ai giovani ricercatori e favorire finalmente un ricambio generazionale”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola ed Università: i numeri da cambiare per allinearsi all'Europa

Next Article

Proroga rettori, il Consiglio di Stato dà ragione al ministro Profumo

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).