Resta intrappolato in casa il giorno dello scritto di Italiano: studente liberato dai vigili del fuoco riesce a presentarsi all’esame

Disavventura a lieto fine per un ragazzo di Bolzano che non riusciva ad aprire il portone di casa. Per liberarlo sono dovuti intervenire i pompieri che lo hanno fatto uscire da una finestra con l’aiuto di un’autoscala. Lo studente è arrivato in tempo a scuola per sostenere la prima prova scritta dell’esame di terza media.

Stava per uscire di casa, pronto per presentarsi a scuola e sostenere la prova scritta di Italiano, ma è stato letteralmente preso dal panico quando ha visto che il portone non si apriva. A quel punto non gli è rimasto che chiamare i vigili del fuoco che lo hanno liberato facendolo uscire da una finestra, permettendogli così di poter arrivare in tempo a scuola.  

È la disavventura capitata questa mattina a un giovane studente di Bolzano impegnato in questi giorni negli esami di terza media. Come ogni giorno, stava uscendo di casa per andare a scuola, oggi però un po’ in anticipo perché doveva affrontare la prima prova scritta degli esami di terza media.  Per una incredibile casualità, invece, il portone di casa però non si apriva. Non c’era verso, neanche l’intervento di un servizio chiavi è stato risolutivo.

A quel punto sono dovuti intervenire i vigili del fuoco di Bolzano che hanno fatto scendere il ragazzo in strada con l’autoscala. Tanti vicini di casa hanno osservato lo spettacolare intervento dai loro balconi e alla fine il 14enne è riuscito ad “evadere” da casa e presentarsi regolarmente a scuola dove ha potuto partecipare alla prova scritta di Italiano che ha rischiato seriamente di saltare mettendo così a rischio la sua promozione.

LEGGI ANCHE:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Graduatorie GPS, ricorrenti chiedono esclusione di altri docenti perché privi di abilitazione

Next Article

Il Lazio riparte dai giovani. Zingaretti: "Opportunità per decine di milioni di euro"

Related Posts
Leggi di più

Nicolò muore a 17 anni, amici: “Lo portiamo con noi alla maturità”

La proposta degli studenti dell’Ipsia “Lombardi” di Vercelli di sostenere l’esame di maturità per l’amico scomparso in un incidente in moto è stata accolta da preside e insegnanti: alla fine delle interrogazioni, uno di loro tornerà davanti alla commissione per Nico.