Referendum contro la Buona Scuola: servono 500.000 firme

Serviranno 500.000 firme per arrivare al referendum sulla Buona Scuola. Sono partiti in 14: si sono moltiplicati durante le manifestazioni di protesta contro la riforma. E ora si organizzano per raggiungere l’obiettivo finale. Sono insegnanti,  collaboratori scolastici, personale Ata, i protagonisti della raccolta firme per il referendum abrogativo contro la Buona Scuola.

Il quesito referendario è stato depositato in Cassazione e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 18 luglio; la raccolta delle firme è iniziata lunedì 20.

«Leadership alla scuola» – questo il nome del comitato, con a capo Daniela Margiotta, membro del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione – non si lascia scoraggiare dalla chiusura estiva delle scuole e dal deserto cittadino: la raccolta firme, infatti, viaggia veloce sui gruppi Whatsapp e Facebook, sui portali web e sulla piattaforma Change.org. Il comitato, inoltre, ha mandato materiale specifico a alle rsu, segreterie provinciali, regionali e nazionali dei sindacati della scuola, chiedendo aiuto. E si punta anche alle associazioni di genitori e studenti.

«Presto allestiremo banchetti un po’ in tutte le città» dice Anna Russo, referente del movimento, docente di sostegno in una primaria a Napoli. Sul fronte sindacale, comunque, è contraria la Gilda: «La battaglia referendaria contro la riforma della scuola può essere vinta soltanto unendo tutte le forze dell’associazionismo, del sindacato e della politica. La posta in gioco è troppo alta e iniziative portate avanti da comitati improvvisati o da politici in cerca di visibilità rischiano di rivelarsi un boomerang: la cassazione dei quesiti o, peggio ancora, una sconfitta referendaria potrebbe solo rafforzare le ragioni della cosiddetta Buona Scuola», si legge nel comunicato del sindacato, che ribadisce la necessità di procedere all’organizzazione in tempi brevi di un comitato unitario per l’indizione di un referendum abrogativo di parti fondamentali della legge 107/2015 sostenuto da una solida consulenza giuridica a livello nazionale.

I Cobas, infine, «appoggeranno»: non ritengono, però, il referendum «lo strumento principe di lotta». «Siamo per una guerriglia tipo Vietnam – dice Massimo Montella, responsabile dei Cobas Napoli – con boicottaggio dei comitati di valutazione, delle prove Invalsi, scioperi già a partire dal primo giorno di scuola».

Intanto la Cgil sta «concordando le azioni con le altre organizzazioni. Non escludiamo una grande manifestazione in autunno, come quella che in maggio ha portato in piazza decine di migliaia di persone», dice Mimmo Pantaleo. Sulla stessa linea ci sono gli studenti: «Saboteremo l’applicazione della riforma», dice l’Uds, che annuncia un autunno caldo.

Total
0
Shares
7 comments
  1. Qualsiasi iniziativa va bene, affinchè venga cancellata questa iniqua legge. Tutti insieme per difendere la scuola pubblica. Il tempo è a nostro favore, è partito il comitato di Margiotta? Va bene, iniziamo a raccogliere tantissime firme, io inizierò giovedì 30 cm fuori al comune di Boascoreale, ed invitp i miei concittaddini, che credoino nella democrazia, a venire e firmare.

  2. Io sono una mamma e solo l’idea di mandare il mio bimbo a scuola e sapere che qualche adulto lo possa toccare , e istigarlo a toccare un altro bambino dello stesso sesso e dirgli che è normale mi fa stare male e sinceramente mi fa rabbrividire questa legge e proposta è da CRIMINALI, PERVERTITI , e soprattutto non capisco questi parlamentari che che accettano di fare queste leggi non hanno figli?????? Sono cosi disgustata stanno cercando di far credere che non c’ è niente di male in queste lezioni Gender ma non è cosi è uno sterminio di massa senza il gas ma perche non lo fate con la gente adulta e non con piccoli indifesi? VERGOGNATEVI!!!!!!

Lascia un commento
Previous Article

Uni Bolzano: i libri della biblioteca usati per costruire il domino più grande al mondo

Next Article

Federico II, gli studenti contro l'aumento delle tasse: "Proposta del rettore è insostenibile"

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"