Figure web per social media

InnovaB e Beatal con sede a Milano ricerca un autore/redattore /blogger/web editor/ community manager.

InnovaB e Beatall danno vita a un progetto di joint venture integrando le rispettive conoscenze, competenze e tecnologie. L’obiettivo è quello di rispondere efficacemente al bisogno sempre più evidente del mercato di essere orientato nell’evoluzione dalla prima era di internet al nuovo e più complesso panorama del web 2.0 e dei social media.
Attualmente è alla ricerca della seguente figura: autore / redattore / blogger/ web editor/ community manager.
Il candidato ideale è una persona che ha già maturato un’esperienza di redazione web, anche breve, ha spiccate capacità di comunicazione ed è competente o appassionato di temi quali salute, benessere, alimentazione.
Gestisce in autonomia la propria attività redazionale lavorando da casa e riportando ad un supervisore attraverso strumenti web (skype e gestionali).
Il candidato avrà l’opportunità di seguire integralmente lo sviluppo del progetto cui è assegnato.
Offriamo inizialmente un contratto a progetto e importanti prospettive di crescita.
Sede di lavoro: Milano
Gli interessati possono inviare le candidature al seguente indirizzo di posta elettronica:[email protected]
Tel. 02 4671 2542

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca redattore

Next Article

Alla ricerca della solidarietà perduta

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.