Stage con una Onlus che raccoglie fondi

stage con una Onlus
Stage con una Onlus Possibilità di inserimento a progetto

Tre posizioni aperte come junior fund raiser per le sedi di Milano, Roma e Torino. La ricerca arriva da Parent Project onlus, organizzazione iscritta al Registro nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale e nata da genitori con figli affetti da Distrofia muscolare Duchenne e Becker.

Per le prossime attività di raccolta fondi sul territorio si cercano tre giovani di età compresa tra i 21 e i 25 anni, con formazione universitaria conclusa o in corso. Si cercano ragazzi/e con esperienza nel volontariato, capacità di relazioni interpersonali, predisposizione al lavoro di gruppo, utilizzo pacchetto office e strumenti di navigazione web, buona conoscenza della lingua inglese e disponibilità a trasferte ed impegni nel weekend.

I tre giovani lavoreranno con contratto di stage retribuito semestrale da settembre 2013, al termine del tirocinio ci sarà la possibilità di essere inseriti in squadra con contratto a progetto.

La selezione si svolgerà presso la sede nazionale di Roma, nel mese di luglio. Curriculum corredato con foto da questo indirizzo entro il 5 luglio:
www.parentproject.org/italia/contenuti-sito/video.html

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Industria siderurgica, al Sant'Anna 6 nuovi progetti per l'ambiente

Next Article

Napoli, diplomi comprati a 8mila euro. "Io? Mai frequentato quell'istituto"

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.