Quinta edizione del Premio Giancarlo Siani

Il “Comitato Giancarlo Siani” promosso da Ordine dei giornalisti della Campania, Associazione napoletana della stampa, Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, Associazione G. Siani e quotidiano “Il Mattino” indice la quinta edizione del “Premio Giancarlo Siani”. Il Premio è stato istituito per ricordare la figura del giornalista napoletano, vittima della camorra per il suo coraggioso impegno nel denunciare le forme di illegalità particolarmente diffuse sul territorio vesuviano.
Il Premio è destinato agli autori di studi, ricerche, tesi di laurea o prodotti editoriali che abbiano come oggetto prevalente il giornalismo, l’editoria, la multimedialità, il sistema della comunicazione di massa e l’analisi dei fenomeni criminali visti dai profili della storia, tecnologia e della sociologia con particolare attenzione al Mezzogiorno. I concorrenti devono presentare tre copie del lavoro alla segreteria organizzativa del “Premio Giancarlo Siani”, all’attenzione della signora Donatella Pappalardo, presso l’Ordine dei giornalisti della Campania, entro il 10 settembre 2008. I lavori devono essere corredati dal curriculum vitae e dai dati del concorrente (nome, cognome, indirizzo di ufficio e abitazione, telefono, fax, e-mail).
La Giuria provvederà all’attribuzione dei premi: il primo di 3.000 euro e il secondo di 2.000 euro. Potrà esserci una eventuale menzione speciale. La Giuria può destinare su proposta di uno o più dei suoi componenti, con voto a maggioranza, uno dei suddetti premi a lavori che abbiano avuto particolare rilevanza nazionale in coerenza con le finalità del bando.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Rettore donna per l'Università di Udine

Next Article

Stage all’ambasciata Usa per esperti del web

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.