Quando la tesi è… on the road

camper.jpgFormazione e turismo in camper. Quattro studenti si sono aggiudicati la prima edizione della Borsa di Studio “Luano Niccolai”, il prestigioso riconoscimento che ha la finalità di avvicinare il mondo accademico al plein air. Si tratta di Alessandro Nafi, dell’Università degli Studi di Firenze, Patrizia Gianmarinaro, dell’Istituto Superiore per le Industrie Artistiche – ISIA di Roma, Ludovico Mascarin, dell’Università degli Studi di Trieste e Chiara Di Muzio, dell’Università degli Studi del Sannio (Benevento).
Istituito da Associazione Produttori Camper (APC) – ANFIA e Fondazione Luano Niccolai, in onore del fondatore della Rimor e past President di APC, il bando consiste nell’assegnazione di una borsa di studio di 3.000 Euro a ciascuno dei quattro studenti vincitori che hanno finalizzato un progetto di tesi inerente al turismo itinerante e alle nuove opportunità offerte dal mezzo camper.
I progetti dei giovani studenti si sono orientati verso due ambiti di ricerca: le caratteristiche tecniche e progettuali degli autocaravan e le potenzialità del turismo “on the road”, analizzate secondo una prospettiva socio-economica.
Ecodesign e impatto ambientale del caravanning, versatilità assoluta dei veicoli ricreazionali, aree di sosta multifunzionali come principali risorse turistiche, scenari ed evoluzioni del turismo itinerante, queste le tematiche fondamentali emerse dalle quattro “tesi” premiate.
La cerimonia di premiazione della Borsa di Studio Luano Niccolai si terrà venerdì 16 maggio 2008, alle ore 16.30, presso l’Ambasciatori Palace Hotel di Roma, in occasione del MELVI, Meeting of the Leisure Vehicle Industry, una work session dedicata ad analizzare il settore caravanning EU con un approccio multidisciplinare: dal general management, alla ricerca, dal marketing alla distribuzione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Greenpeace, attivisti in azione

Next Article

La figura di Gandhi rivive nelle immagini

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.