La figura di Gandhi rivive nelle immagini

gandhi.jpg“La mia vita è il mio messaggio”. Questo il titolo della mostra fotografica dedicata a Mahatma Gandhi, allestita presso il Rettorato dell’Università di Torino, che verrà inaugurata domani – venerdì 18 aprile – alle ore 18, dal magnifico rettore Ezio Pelizzetti e dall’Ambasciatore dell’India in Italia, Rajiv Dogra.
La rassegna, che fa tappa nel capoluogo piemontese dopo essere stata esposta lo scorso gennaio a Genova, sarà ospitata fino al 20 maggio nel cortile del Rettorato ed è organizzata dall’Ambasciata e dal Consolato generale dell’India in Italia nell’anno in cui si celebra il 60° anniversario dell’assassinio di Gandhi (30 gennaio 1948). Costituita da cinquanta fotografie, è corredata di pannelli didascalici, cronologia biografica e presentazione in lingua italiana.
All’inaugurazione interverranno inoltre: il professor Alessandro Monti, direttore del Dipartimento di Orientalistica; Irma Piovano, responsabile Scientifica del CESMEO, Istituto Internazionale di Studi Asiatici; Michele Dell’Utri, assessore alla Cooperazione e alle Relazioni Internazionali del Comune di Torino.
Gandhi portò l’indipendenza ad un quinto della popolazione mondiale. L’anno in cui venne assassinato, era un’India autonoma ed indipendente a piangerne la scomparsa. Nel frattempo i diseredati e disarmati avevano vinto una grande battaglia, sviluppando una forza morale che si era imposta all’attenzione del mondo intero. La storia di questa trasformazione è anche la storia della vita di Gandhi, che, più di ogni altro, ne è stato l’artefice. Da allora in poi i suoi compatrioti con riconoscenza lo chiamano il Padre della Patria.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Quando la tesi è... on the road

Next Article

Ai box della Renault per uno stage d’eccezione

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".