Puglisi dà fiducia al ddl

“Quanti hanno a cuore il futuro dell’università e dei giovani cercano faticosamente di condurre in porto questo tentativo riformatore del nostro sistema”.

“Quanti hanno a cuore il futuro dell’università e dei giovani cercano faticosamente di condurre in porto questo tentativo riformatore del nostro sistema”. Così il rettore dello Iulm, Giovanni Puglisi, esprime il suo parere favorevole alla riforma Gelmini dell’Università, approvata dalla Camera dei deputati, in attesa di essere discussa al Senato.
“E’ necessario evitare che si ripeta quello scarico reciproco di responsabilità che getterebbe inevitabilmente l’Italia, e con essa l’università italiana, in un caso senza ritorno. Abbiamo visto passare governi, parlamenti, maggioranze e opposizioni ma nessuno in questi decenni ha mai messo la cultura, la ricerca e l’alta formazione tra le cinque priorità del Paese, tranne poi rimpallarsi l’uno contro l’altro sia la responsabilità delle numerose e ripetute crisi ricorrenti negli anni, sia la rivendicazione di presunte primogeniture di iniziative politiche invero mai esistite nei fatti”.
“Il nostro Paese avrebbe potuto vivere di ‘pane e Divina commedià se le generazioni politiche che lo hanno occupato avessero scelto la cultura mettendo a reddito le tradizioni attraverso la loro valorizzazione formativa, economica e turistica. Siamo un Paese grande e forte solo per la cultura”, conclude Puglisi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Borse di studio: diamo i numeri

Next Article

Governo in scadenza, gli studenti si mobilitano

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.