Puglia, per 3 studenti su 4 niente lezioni a distanza: “Confusione su didattica online”

Da due settimane le scuole delle regioni del nord Italia e da quattro giorni quelle di tutto il paese, tra cui le scuole pugliesi, sono chiuse in via precauzionale per limitare il contagio del Coronavirus. Ma per continuare le attività le scuole dovrebbero mettere in campo forme di didattica a distanza. L’Unione degli Studenti ha condotto un’inchiesta nazionale, tramite un questionario che ad oggi ha avuto più di 13mila risposte sulle condizioni di studio ai tempi del COVID-19.

Come spiega il Coordinatore dell’UDS Puglia Davide Lavermicocca: ”Dall’inchiesta emerge un’enorme confusione e carenza di informazioni sullo svolgimento della didattica online: ogni professore la sta svolgendo con mezzi differenti, dalle videochiamate alla semplice assegnazione di compiti, nel 70% si sta facendo solo su alcune materie, mentre il 15% degli studenti non ha ancora iniziato nessun tipo di didattica a distanza”.

“Molti studenti poi non hanno proprio modo di seguire le lezioni” denuncia Lavermicocca “Non tutti hanno a disposizione PC o Tablet, tantomeno una connessione Wi-Fi adatta; molte famiglie inoltre hanno un unico computer: come fanno a seguire le lezioni più figli contemporaneamente? Magari dividendosi con un genitore a cui è stato prescritto il lavoro da casa”.

Ma i problemi non finiscono qui “Non è stata fornita alcuna informazione su come saremo valutati in queste settimane, visto anche l’appalto di contenuti e mezzi della didattica a ditte private. Non sappiamo nulla sull’esame di maturità” spiega il sindacato studentesco.
“Come faremo a prepararci per gli esami se non stiamo svolgendo i programmi nella maniera adeguata? Ad oggi non sappiamo nemmeno se, dopo uno stop che in alcune
regioni potrebbe essere superiore ad un mese, l’anno scolastico sarà prolungato in qualche, modo o se le prove INVALSI dovranno essere recuperate.”

Nel pomeriggio gli studenti parleranno, ovviamente telematicamente, con la Ministra dell’Istruzione Azzolina: “Chiederemo delle indicazioni precise su come saremo valutati e sulle modalità di esame, ma soprattutto pretendiamo un doveroso finanziamento straordinario affinché a tutti vengano garantiti gli strumenti per seguire le lezioni. In serata comunicheremo l’esito dell’incontro”.

borderline

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, gli studenti universitari trentini lanciano una raccolta fondi per sostenere medici e ospedali: ''Ci stanno aiutando giorno dopo giorno''

Next Article

Habacus, la startup che facilita i finanziamenti per lo studio

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.