Pubblicato il bando 2019 della JPI Cultural Heritage

La JPICH ha pubblicato il bando “JPICH Conservation, protection and Use call”. La scadenza per la presentazione delle proposte è il 3 settembre 2019 alle 16.00 (CEST).
La JPI Cultural Heritage, iniziativa di programmazione congiunta su Patrimonio Culturale e Cambiamenti Globali (sito internet: https://jpi-ch.eu/) è stata lanciata nel dicembre 2010 dal Consiglio dell’Unione Europea. Il coordinamento della JPI CH è in capo all’Italia e in particolare al Ministero dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo (MIBACT), in collaborazione con il MIUR.
Il Patrimonio culturale europeo è il più vario e ricco del mondo e attrae ogni anno milioni di visitatori. Esso è una componente importante dell’identità individuale e collettiva. In entrambe le sue forme, materiali e immateriali, contribuisce alla coesione dell’Unione Europea e svolge un ruolo fondamentale nel processo di integrazione europea, attraverso la creazione di legami tra i cittadini.
Oltre al naturale invecchiamento, il patrimonio culturale europeo è esposto a molte minacce, tra cui i cambiamenti climatici e l’inquinamento, la crescente urbanizzazione, il turismo di massa, la negligenza umana, atti di vandalismo e di terrorismo. La tutela del patrimonio culturale di fronte al cambiamento globale sta diventando così una delle principali preoccupazioni per i decisori politici, le parti interessate e i cittadini Europei.
La ricerca di strategie, metodologie e strumenti condivisi è quindi necessaria per la salvaguardia del patrimonio culturale, contro il decadimento a cui è sottoposto continuamente.
L’obiettivo della JPI CH è affrontare al meglio le principali sfide sociali legate a questo tema e in particolare di:

  • investigare il rapporto tra patrimonio culturale tangibile (cioè città storiche, paesaggio storico, siti archeologici, antichi palazzi, collezioni museali, archivi e biblioteche) e mutamenti climatici, che costituiscono uno dei più importanti fattori di cambiamento futuro per le comunità;
  • approfondire le questioni legate alla tutela e alla sicurezza del patrimonio culturale;
  • studiare la relazione tra la protezione del patrimonio culturale e il suo utilizzo da parte della società

Per maggiori informazioni sulle aree di ricerca e sulle attività della JPI CH si invita a consultare il seguente documento: Agenda di Ricerca strategica, scaricabile dal seguente link:  https://jpi-ch.eu/about-us-2/strategic-research-agenda/

BANDO 2019
Il 14 maggio 2019, la JPI CH ha pubblicato il bando “JPICH Conservation, Protection and Use Call” (link al testo del bando:  https://jpi-ch.eu/wp-content/uploads/JPICH-Conservation-Protection-and-Use-Call.pdf ). 
La scadenza per la presentazione delle proposte è il 3 settembre 2019 alle 16:00 (CEST).
Il MIUR partecipa attivamente a tale bando, al quale ha destinato un budget di € 750.000 a fondo perduto (grant). Le percentuali di finanziamento, così come i criteri di eleggibilità applicabili ai proponenti italiani sono riportati nel documento informativo ” National Eligibility Requirements” allegato al bando (pagg. 24-25).
MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI PARTECIPAZIONE AL MIUR
Per questo bando è stata adottata una procedura in una sola fase.
Tutti i partecipanti italiani devono compilare on line, entro la stessa scadenza del bando (3 settembre 2019 ore 16.00 – CEST), la domanda di finanziamento nazionale, completa con i relativi allegati, pena la non eleggibilità della richiesta.
La piattaforma internet per il caricamento delle domande nazionali è raggiungibile tramite il seguente link: https://banditransnazionali-miur.cineca.it(apertura piattaforma prevista per fine maggio). Da questa piattaforma sarà possibile scaricare una guida per la compilazione della domanda e sarà possibile consultare una serie di FAQ.
Si evidenzia, inoltre, la necessità di verificare la posizione del proprio ente di appartenenza rispetto alla eventuale situazione di morosità verso il MIUR per altri finanziamenti precedenti. Infatti, una posizione di morosità è causa di non eleggibilità.

Link utili:

Si invitano i proponenti a consultare i documenti riportati ai seguenti link per maggiori informazioni sugli obiettivi del bando, sulle procedure di valutazione e sui requisiti richiesti per la partecipazione internazionale:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca, Bussetti: “Progetto Talmud è unicum. Dobbiamo essere fieri del ruolo dell’Italia”

Next Article

Viaggi al femminile: dove vanno le donne quando partono da sole o con le amiche, a ogni età

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.