Province Roma-L'Aquila, intesa all'insegna del turismo integrato

turismoabruzzo.jpgMai come in questo momento la terra d’Abruzzo ha bisogno di poter contare sulla presenza dei turisti per risollevarsi e dare nuova linfa all’economia del territorio colpito dal sisma del 6 aprile scorso. Ci sono molteplici iniziative in tal senso. Come quella che prevede pacchetti turistici integrati che offrano già da settembre, dalla prossima stagione invernale e dall’estate del 2010, la possibilità ai turisti che visitano la Capitale di trascorrere parte della loro vacanza in Provincia dell’Aquila, un territorio fortemente penalizzato dal terremoto. È quanto si prefigge l’accordo “L’Aquila-Roma Province sorelle” formalizzato il 25 marzo e presentato oggi a Palazzo Valentini dal presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti e dalla sua omologa aquilana Stefania Pezzopane.
«Con L’Aquila – ha detto Zingaretti – ci lega un rapporto di amicizia e collaborazione. Tanti nostri volontari si sono precipitati per portare soccorso ai cittadini vittime del sisma, ma ora c’è un’altra emergenza: tornare alla vita normale e ricostruire la vita delle famiglie e il tessuto economico».
«All’indomani del sisma – ha spiegato la Pezzopane – anche zone non toccate dal terremoto hanno subito un drastico calo delle prenotazioni. Ma noi dobbiamo far capire al mondo che nel nostro territorio è possibile fare un turismo vero e accogliente. Siamo pronti per la stagione invernale».
All’iniziativa hanno partecipato inoltre i due assessori provinciali al Turismo Patrizia Prestipino (Roma) e Teresa Nannarone (L’Aquila) che ha spiegato come a fronte di un calo di 53 milioni di euro legati al crack turistico siano già disponibili da subito alcuni pacchetti vacanza last minute per l’estate e l’autunno nel Parco Nazionale d’Abruzzo e nell’Alto Sangro.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Unibo: acquista punti e sale in classifica

Next Article

Teramo, il rosa s'addice al neorettore

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).