Teramo, il rosa s'addice al neorettore

unite.jpgRita Tranquilli Leali, preside della facoltà di Giurisprudenza, è il nuovo rettore dell’Università degli Studi di Teramo per il quadriennio 2009/2013. Rita Tranquilli Leali ha ottenuto 336 preferenze superando nettamente la concorrenza degli altri candidati in lizza: Adolfo Pepe, preside della Facoltà di Scienze politiche, ha riportato 150 voti; Everardo Minardi, docente della Facoltà di Scienze politiche, ha raccolto soltanto una preferenza.
Per l’elezione del rettore sono stati interessati 579 elettori: 264 docenti tra professori di prima e seconda fascia e ricercatori, 225 unità di personale tecnico-amministrativo e di biblioteca, 90 rappresentanti degli studenti nel Consiglio degli studenti e negli organi collegiali di Ateneo.
Ha votato l’87,9 % degli aventi diritto pari a 509 elettori. Le schede nulle sono state 13, le bianche 9. La proclamazione ufficiale da parte del decano, Aldo Bernardini, avverrà dopo la verifica della Commissione elettorale centrale. Rita Tranquilli Leali succede a Mauro Mattioli, che ha guidato l’Ateneo teramano dal 2005 a oggi e che rimarrà in carica fino al 30 ottobre prossimo.
Curriculum. Rita Tranquilli Leali è nata a Roma nel 1942, ma da parte materna è di origine abruzzese. Ordinario di Diritto della Navigazione, dal 2005 è preside della facoltà di Giurisprudenza. Le attività di ricerca della professoressa Tranquilli Leali – che si sono concretizzate in quattro lavori monografici e in più di 50 articoli, tutti pubblicati sulle più importanti riviste giuridiche italiane e straniere – si sono incentrate sulle problematiche inerenti ai profili pubblicistici delle infrastrutture e dei trasporti, sia nel settore marittimo che in quello economico.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Province Roma-L'Aquila, intesa all'insegna del turismo integrato

Next Article

Global Village Campus, in 60 dall'Abruzzo

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.