Province: l’Italia si rifà il look

Probabilmente nessuno avrebbe mai immaginato di ridisegnare l’Italia geopolitica eppure la “rivoluzione” delle province pare proprio aver attuato un nuovo modello di Italia. La delibera approvata ieri prevede, in base a criteri basati su abitanti e superficie territoriale di almeno 2.500 chilometri quadrati, un vero e proprio nuovo “look” del Paese.

Probabilmente nessuno avrebbe mai immaginato di ridisegnare l’Italia geopolitica eppure la “rivoluzione” delle province pare proprio aver attuato un nuovo modello di Italia. La delibera approvata ieri prevede, in base a criteri basati su abitanti e superficie territoriale di almeno 2.500 chilometri quadrati, un vero e proprio nuovo “look” del Paese.

Saranno 64 su 107 le Province da accorpare, di cui 50 in Regioni a Statuto ordinario e 14 in Regioni a statuto speciale. Le Province salve sarebbero quindi 43 su 107. Tra le maggiori novità, due macro province in Emilia Romagna (una per l’Emilia comprendente Parma, Piacenza insieme a Reggio Emilia e Modena) e l’altra della Romagna (con Ravenna, Rimini, Forlì e Cesena).

Novità anche nel Lazio con tre nuove province che corrisponderebbero ai territori della Tuscia (Viterbo), della Sabina (Rieti) e del Frusinate (Frosinone e Latina).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Blocco del turn over, mozione della Crui

Next Article

In Trentino i migliori giovani matematici

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".