Prove d'accesso a Medicina, il Miur mette a disposizione un test di autovalutazione

Per migliaia di studenti già alle prese con la preparazione per i test d’ingresso a Medicina e Chirurgia del prossimo settembre, il Ministero dell’Istruzione mette a disposizione un valido strumento di orientamento. Un test psicoattitudinale, non un simulatore della prova, che possa aiutare gli aspiranti camici bianchi a capire se l’impervia strada che si apprestano a percorrere è adatta o meno alle loro caratteristiche.
“Da oggi mettiamo a disposizione dei ragazzi interessati a iscriversi alle prove di accesso al corso di laurea in Medicina e Chirurgia e Odontoiatria un test di autovalutazione, una bussola per aiutarli a orientarsi nella loro scelta”. Così il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini.
Il test, disponibile sul sito ministeriale Universitaly, contiene alcuni strumenti messi a punto da ricercatori del Dipartimento di Psicologia delle Università di Roma ‘Sapienza’ e ‘Tor Vergata’ e testati dalla stessa Sapienza e dalla Conferenza dei Presidenti di Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. La compilazione è del tutto facoltativa e non incide sul punteggio delle prove di accesso. Per accedere è necessario registrarsi al portale.
“Il questionario è uno strumento che offriamo in via sperimentale – sottolinea il Ministro – A questa iniziativa seguirà il rafforzamento delle attività di orientamento che devono partire almeno dal quarto anno delle superiori”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Servizio Civile Nazionale: bando straordinario per 985 giovani

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 15 luglio

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".