Progetto Smooti, Tim e Scuola Superiore Sant’Anna insieme per la salute dei lavoratori

Industria e università collaborano secondo il paradigma della ”open innovation”, per condividere e mettere a valore le più avanzate competenze accademiche e, in particolare, per contribuire al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori, utilizzando le nuove tecnologie.
sforzi muscolari

Industria e università collaborano secondo il paradigma della ”open innovation”, per condividere e mettere a valore le più avanzate competenze accademiche e, in particolare, per contribuire al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori, utilizzando le nuove tecnologie. Così TIM e Scuola Superiore Sant’Anna consolidano la loro partnership con il progetto di ricerca SMOOTI, realizzato dal Laboratorio di robotica percettiva Percro dell’Istituto TeCIP (Tecnologie della Comunicazione, Informazione, Percezione) della Scuola Superiore Sant’Anna.
TIM e Scuola Superiore Sant’Anna hanno investito nel progetto SMOOTI realizzando un sistema indossabile con facilità, wireless, costituito da sensori inerziali ed elettromiografici (in grado di captare i segnali elettrici emessi dai muscoli) non invasivi. Attraverso questo sistema si possono ricostruire i movimenti e gli sforzi muscolari compiuti da un lavoratore durante la movimentazione manuale di carichi pesanti, facilitando l’educazione alla corretta esecuzione dei movimenti e fornendo supporto scientifico ai medici, per una valutazione dello sforzo fisico esercitato davvero.
Sono già state condotte due sperimentazioni, con altrettanti prototipi, su tecnici di TIM, impegnati durante le consuete attività di manutenzione sulla rete di telecomunicazioni. I risultati delle acquisizioni consentiranno adesso di migliorare la sicurezza dei tecnici dell’azienda, di valutare la facilità di utilizzo della soluzione adottata e di raccogliere le indicazioni per definire nuovi standard.
In un secondo momento, dopo aver concluso i test preliminari, SMOOTI potrà essere utilizzata – dopo opportuno sviluppo – da parte delle imprese clienti di TIM e distribuita in tutta Italia. Il progetto ha già dato risultati concreti e utili alla prevenzione delle patologie da sforzo, migliorando notevolmente, nel secondo prototipo, l’indossabilità e la precisione delle misure” – ha dichiarato Valeria D’Amico, responsabile Joint Open Lab di TIM – “Importanti sono state, per la buona riuscita delle sperimentazioni, la disponibilità e l’attenzione prestate al progetto dai nostri tecnici di Access Operations”.
“SMOOTI si inserisce nella linea sulla biomeccanica occupazionale – ha commentato Emanuele Ruffaldi, ricercatore responsabile del gruppo Sensing, Modelling and Learning for Humans del laboratorio PERCRO dell’Istituto TeCIP della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa – dove convergono le competenze sui sistemi indossabili e le analisi del movimento in tempo reale Il sistema, sviluppato per intero dal nostro laboratorio, ha permesso di realizzare una soluzione flessibile ed efficiente, che a questo punto è orientata verso una più ampia sperimentazione in ambiti diversi”.
 
 
 
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L’allarme dell’Anief: “Individuare i titoli dei docenti non risolve il problema”

Next Article

Quasi la metà dei giovani non conosce la prevenzione. I dati della campagna dell’Aiom: “Non fare autogol"

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.