Progetto professionalità

progetto-professionalta.jpgDa un decennio la Fondazione Banca del Monte di Lombardia, attraverso il “Progetto Professio­nalità Ivano Becchi”, offre ai giovani lombardi una straordinaria opportunità di qualificazione mirata ad una concreta crescita professionale.
Anche quest’anno, i 25 giovani che avranno presentato i progetti più innovativi ed interessanti, po­tranno intraprendere, in Italia o all’estero, i percorsi professionali che consentiranno loro un salto di qualità nella loro vita professionale.
Il Progetto Professionalità riserva questa opportunità a giovani di età compresa tra i 18 ed i 36 anni, già inseriti nel mondo del lavoro e residenti in Lombardia o occupati in aziende ubicate nella regione. Altri requisiti sono la cittadinanza italiana e la conoscenza della lingua straniera rilevante per il percorso scelto o, in alternativa, la lingua inglese.
Per accedere alla selezione i candidati dovranno presentare i loro progetti entro il 20 novembre, utilizzando il sito della Fondazione.
“Il successo dell’iniziativa – spiega il Prof. Giorgio Goggi, coordinatore del progetto – si deve ad una formula originale che in dieci anni, attraverso un investimento superiore a 5 milioni di euro, ha consentito a più di 180 giovani lombardi, di coronare il loro sogno, accedendo ad un percorso formativo che loro stessi hanno progettato e, quindi, in in linea con le loro aspet­tative”.
Naturalmente tutti gli oneri economici sono a carico della Fondazione Banca del Monte di Lom­bardia che, anche con questa iniziativa, offre il proprio contributo allo sviluppo del territorio ed alla promozione delle sue migliori risorse.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cassino, in ballo Assegni da dottori

Next Article

260 posti per segretari comunali

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.