Progetti Erasmus, ecco tutti i cofinanziamenti alle Università dal MIUR

erasmus

Per contribuire allo sviluppo della mobilità degli studenti nel quadro dell’azione Erasmus, verrà assicurato alle istituzioni universitarie anche per l’anno 2013/2014 un cofinanziamento nazionale, ai sensi della legge n. 183/1987.

Con provvedimento in corso di registrazione presso la Corte dei Conti, l’Ispettorato Generale per i Rapporti Finanziari per l’Unione Europea del Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha approvato la richiesta di cofinanziamento nazionale presentata da questo Ufficio; tale richiesta comprende, anche per l’anno accademico in oggetto, i Consortia placement.

Il contributo concesso dovrà essere utilizzato esclusivamente per attività di sostegno alla mobilità “placement” degli studenti, quale integrazione di borse già bandite o attivazione di nuove borse, sostenendone, in questo caso, anche le spese organizzative.

Il cofinanziamento nazionale dei Consortia placement permetterà di cofinanziare anche quelle università che svolgono attività di placement esclusivamente all’interno dei Consortia e che fino adesso ne restavano escluse. Ogni azione aggiuntiva, compresa quella di erogazione di un contributo integrativo delle borse, dovrà essere conclusa entro il 31 dicembre 2016.

Il contributo vale anche nell’ambito universitario. Il cofinanziamento nazionale concesso, infatti, può essere utilizzato per l’integrazione delle borse di studio degli studenti in mobilità in uscita, ovvero per l’elaborazione di un nuovo progetto. In tale ultimo caso, le attività da realizzare dovranno privilegiare soprattutto la mobilità studentesca, sia in uscita sia in entrata, per studio o per “placement”.

Ecco le tabelle con i contributi ad ogni Ateneo prot6749_6750_14 (1)

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La storia di Tobia, dal coma alla Maturità

Next Article

Milano, il ministro Giannini lancia il piano nazionale per la infrastrutture della ricerca

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".