Milano, il ministro Giannini lancia il piano nazionale per la infrastrutture della ricerca

Riunione informale
La foto dal profilo ufficiale flickr del MIUR

 

Sono tre le priorità su cui puntare per il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, che ieri ha parlato alla riunione informale dei ministri europei dell’Industri e della Ricerca, a Milano. “Pianificare in modo strategico, garantire l’eccellenza e l’uso migliore delle risorse e assicurare la sostenibilità a lungo termine delle infrastrutture di ricerca” – questi i punti forti del nuovo piano nazionale, che va a introdursi con il semestre europeo guidato dall’Italia.

Le infrastrutture di ricerca rimangono fondamentali. “Il percorso della ricerca europeo è passato per l’interazione storica tra la produzione di conoscenza e la creazione di nuove tecnologie e industrie” – ha sottolineato il ministro. “In questo senso, è fondamentale una cooperazione forte tra i diversi Paesi, permettendo all’Europa di parlare con una sola voce”.

“Un processo iniziato nel 2002 – ha aggiunto Giannini – con l’istituzione del Forum strategico europeo sulle infrastrutture di ricerca che aveva una missione ben precisa, quella di sostenere, cioè, una politica coerente e una strategia guidata sulle infrastrutture di ricerca, attraverso la fiducia, la condivisione delle migliori pratiche, delle strategie e delle proposte.

Per fare questo, però, sono necessari una serie di passaggi cruciali, come la garanzia della trasparenza delle infrastrutture, l’apertura agli innovatori pubblici e privati, compresa l’industria e la PMI”.

Il ministro ha parlato anche di un sistema nazionale “Il piano nazionale per infrastrutture di ricerca è passo decisivo per migliore uso dei fondi strutturali. Nei prossimi giorni presentazione nuovo piano nazionale per infrastrutture di ricerca”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Progetti Erasmus, ecco tutti i cofinanziamenti alle Università dal MIUR

Next Article

Il farmaco che stana l'Aids

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).