Profumo, Horizon fondamentale per le Pmi

L’accordo raggiunto tra i ministri della Ricerca e l’innovazione dei 27 sul programma Horizon 2020 e’ ”estremamente importante” per le piccole e medie imprese italiane ed europee. Così il ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo, commenta l’impegno preso dal Miur sull’attuale programma Quadro, al termine del Consiglio Competitività.

L’accordo raggiunto tra i ministri della Ricerca e l’innovazione dei 27 sul programma Horizon 2020 e’ ”estremamente importante” per le piccole e medie imprese italiane ed europee. Così il ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo, commenta l’impegno preso dal Miur sull’attuale programma Quadro, al termine del Consiglio Competitività.

«Prima di tutto – ha spiegato – , c’e’ il tema della semplificazione, poiché uno degli elementi di maggiore difficoltà per le piccole imprese è partecipare ai bandi e alle attività progettuali del Programma Quadro». «Il secondo motivo – ha proseguito il ministro – e’ relativo al fatto che c’e’ una partecipazione del 20% delle piccole e medie imprese rispetto al valore finanziato. C’e’ ancora una discussione, ma credo che si stia andando in questa direzione e cioè programma per programma, non in media».

«Il terzo motivo – ha concluso Profumo – è la possibilità di una contribuzione per la parte di cofinanziamento che non sia di tipo cash ma che sia di tipo in kind. Questo vuol dire, ha spiegato, «che nel momento in cui la piccola impresa deve contribuire per il 20% al valore finanziato, invece di dare un contributo in risorse contribuisce in ore-uomo, che sono comunque risorse. E questo e’ importante in un momento di crisi come questa in cui c’e’ poca liquidità».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fioroni, Profumo ripensi al “merito”. La scuola ha bisogno di fatti e non di parole

Next Article

Bar Camp. La tua idea per il paese

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.