Premio Sapio 6.000 euro alla ricerca

Al via la decima edizione del Premio Sapio per la Ricerca Italiana, uno degli appuntamenti più attesi dalla comunità scientifica nazionale, destinato a premiare i ricercatori italiani che con i propri studi hanno contribuito all’avanzamento della ricerca in campo tecnico-scientifico e socioeconomico.
Studiosi e ricercatori potranno far conoscere i risultati delle proprie ricerche alle aziende del settore, creando la giusta sinergia tra pubblico e privato e contribuendo a valorizzare l’innovazione nell’ambito scientifico.
Gli interessati potranno partecipare all’iniziativa compilando gli appositi moduli online, all’indirizzo www.premiosapio.it, e inviando, entro il 10 novembre, un plico postale raccomandato alla Segreteria del Premio Sapio (Via Roma 1 – 45025 Fratta Polesine – RO), contenente la presentazione delle proprie ricerche (effettuate a partire dal 2005) e i moduli debitamente compilati con la documentazione da questi indicata.
I premi in palio sono quattro, di 6.000 euro ciascuno, e sono così suddivisi: tre premi riservati a ricercatori junior italiani operanti nei vari ambiti di ricerca (Premio Junior), un premio riservato a un ricercatore operante nella ricerca applicata o che si sia distinto nel trasferimento di innovazioni significative nei processi produttivi (Premio Industria).
In attesa dell’assegnazione dei premi, il Gruppo Sapio nell’intento di farsi promotore di un vero e proprio “laboratorio” di ricerca e innovazione tecnologica, organizza anche cinque giornate di studio, che si terranno tra ottobre e novembre presso Atenei e Centri di Ricerca, incentrate su cinque differenti aree tematiche: Ambiente, Biotecnologie, Divulgazione scientifica, Economia ed Energia, Salute e Sociale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pari Opportunità anche a Salerno

Next Article

Stage tra le auto per 8 venditori

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).