Premio Poggiali, Gabriele Capuano premiato per la migliore tesi di laurea in Ingegneria Aerospaziale

Premio Poggiali

Premio Poggiali. E’ Gabriele Capuano, laureato in ingegneria Aeronautica alla Sapienza, il vincitore della settima edizione del “Premio Maurizio Poggiali” per la migliore tesi di laurea in Ingegneria Aerospaziale. Con la tesi “Indagine sperimentale dell’effetto di generatori di turbolenza sull’aerodinamica di un’ala rettangolare”, Gabriele ha studiato l’effetto di elementi cilindrici di piccolo diametro, detti “Trip Wire”, sull’aerodinamica di un’ala finita (sul quale vengono posizionati) a bassi numeri di Reynolds.

Il premio, indetto dall’Associazione Maurizio Poggiali, in collaborazione con l’Università Sapienza di Roma, con il Patrocinio della Provincia di Roma, verrà consegnato a Gabriele venerdì 22 novembre, alle ore 12 presso l’università Sapienza di Roma, nel Dipartimento Aerospaziale. Al vincitore, i genitori del capitano Maurizio Poggiali – l’ufficiale dell’Aeronautica militare caduto nell’incidente aereo di Monte Lupone nel 1997 – consegneranno il folder del francobollo emesso alla sua figura da Poste Italiane nel 2007.

Il premio ha avuto l’adesione del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che ha ricordato con queste parole Maurizio Poggiali: “Un giovane caduto nell’adempimento del proprio dovere, dopo una vita breve ma intensa, improntata a valori etici che possono costituire modello per le giovani generazioni”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Così il Parlamento ha ascoltato gli studenti

Next Article

Venerdì 29 novembre tutti a scuola in bici: è il Bike To School Day

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".