Posti sulle navi Princess Cruises

La Princess Cruises, compagnia di navigazione svizzera, è alla ricerca di personale da inserire a bordo delle proprie navi per la prossima stagione estiva. I profili per i quali ci sono posti liberi sono molteplici: hotel director, food and beverage director, vari tipi di chef, pizzaioli, maitre d’hotel, receptionist, addetti al gift shop e molti altri.
Princess Cruises assume personale con precedente esperienza nel ruolo di riferimento e che abbia ottima conoscenza dell’inglese. Chi intendesse candidarsi può inviare il curriculum in lingua inglese completo di una foto all’attenzione del signor Sorbi, Princess Cruises, casella postale 1544, 6830 Chiasso, Svizzera, oppure scrivendo una email all’indirizzo [email protected]

Total
0
Shares
5 comments
  1. Ho fatto gia’ un esperienza presso la “Golden Princess” nel 2003, (splendidi ricordi). Ora che in Italia e’ diventato difficile trovare lavoro nel mondo della ristorazione rifarei volentieri una splendida avventura “on board”!

Lascia un commento
Previous Article

Tra calze e collant, opportunità a Mantova

Next Article

L'Università secondo il nuovo governo

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.