Posti in Tiscali da responsabili e commerciali

Sono cento le figure di prossima assunzione in Tiscali, l’azienda nel campo delle telecomunicazioni che punta all’espansione della propria rete commerciale.
Il reclutamento riguarda tutto il territorio nazionale ed è finalizzato all’ampliamento del settore della vendita di servizi di telecomunicazioni fisse e mobili a clienti privati, aziende e pubbliche amministrazioni. I profili ricercati, infatti, sono quelli di responsabile vendite regionali e commerciali senior.
Queste figure si occuperanno della rete di vendita diretta business alle Pubbliche amministrazioni, del canale di vendita indiretta e della rete dei punti vendita affiliati. Requisito importante è aver maturato un’esperienza lavorativa nel mondo delle telecomunicazioni.

Per i candidati selezionati sono riservati contratti a tempo indeterminato, che prevedono una retribuzione standard di settore, incentivi e anche l’auto aziendale per spostarsi. Gli interessati devono inviare il proprio curriculum all’indirizzo email [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma Tre e Linkem nasce la banda ecologica

Next Article

Unisi, ottobre rosso per il bilancio

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.