Pordenone, in 1.300 al concorso per soli 3 posti

una fila al concorso

Al concorso per infermieri professionali di Pordenone si sono presentati in 1.345. I posti a disposizione, però, erano soltanto tre.

Situazione identica per coloro che ambivano a diventare operatori sociosanitari: 1.108 domande per tre posti.

“Qualche giorno fa è scaduto il termine per il concorso a tre posti di infermiere nell’area pordenonese”, ha spiegato Giovanni Del Ben, Direttore sanitario della Casa di cura San Giorgio, diffondendo i numeri relativi ai candidati presentatisi a sostenere l’esame.
Si sono calcolate 450 domande per ogni posto disponibile. “E’ un segno non tanto indiretto o nascosto della disoccupazione/sotto-occupazione o precariato che si pone davanti agli infermieri appena laureati. Non vi sono tante prospettive di lavoro perché non c’è molto ricambio e per gli infermieri non più giovani ci sono ancora tanti anni di lavoro, anche se i loro fisici risentono dei sovraccarichi lavorativi”, ha detto Del Ben.

“La domanda che ci poniamo è quindi quella di pensare al numero degli infermieri che devono essere preparati dalle Università, affinché non si producano disoccupati”.

E poi ha aggiunto: “Dieci anni fa non si trovavano infermieri neanche a cercarli con il lumicino. Oggi, al contrario, sono troppi gli infermieri che non trovano lavoro”.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Serena Dandini alla Sapienza contro la violenza sulle donne

Next Article

Si denudava davanti alle studentesse, arrestato

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.