Politiche sociali e sanitarie

Culture e politiche sociali e sanitarie: organizzazione, management e coordinamento dei servizi” è il master di I livello della Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Il master, della durata di un anno, si propone di formare competenze qualificate e abilità professionali adeguate al nuovo contesto, diffondendo esperienze e conoscenze inerenti l’analisi delle politiche socio-sanitarie anche in chiave comparata, la progettazione organizzativa e gestionale, favorire la comprensione e la lettura dei fenomeni sociali e sanitari a monte e a valle del “sistema salute”, dei fenomeni organizzativi, delle innovazioni istituzionali e dei meccanismi di funzionamento dei servizi socio-sanitari. Riflettere sul modello sociale e sulle nuove emergenze delle disuguaglianze della salute, promuovendo un approccio interdisciplinare e schemi analitici condivisi tra soggetti di differente formazione e ruolo.

Domande di ammissione entro il 16 gennaio.
www.unina.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio di laurea per Ingegneri

Next Article

Rete 29 aprile, reclutamento professori non avanza

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.