Politiche 2018, Unione degli Universitari e Movimento 5 Stelle si confrontano a Berrypost elettorale

Numero chiuso, precariato della ricerca ma anche spendibilità della laurea. Questi e molti altri i temi toccati questa mattina nel programma Berrypost elettorale ‘Giovani al voto’ condotto da Mariano Berriola, in diretta facebook e sul nostro portale. Ospiti della mattinata sono stati Francesco D’Uva, giovane deputato del Movimento 5 Stelle, nuovamente in corsa per la Camera dei Deputati, candidato a Messina nella circoscrizione 2 Sicilia, ed Elisa Marchetti, studentessa di Economia e coordinatrice nazionale dell’Unione degli Universitari (Udu). Sullo sfondo le elezioni politiche del 4 marzo. 
“Quella del precariato della ricerca è una battaglia che sentiamo da vicino. Vogliamo ripristinare la figura del ricercatore a tempo indeterminato legandolo, come già di fatto avviene, all’obbligo di docenza”, afferma D’Uva. Sul numero chiuso invece Elisa Marchetti non è d’accordo sul voler “connettere in maniera così stringente la spendibilità di un determinato corso di studio. Dobbiamo ricordarci che prendere una laurea è giusto a prescindere – afferma la studentessa – poi ci sono dei casi limite come medicina. Però dobbiamo dire che se ad esempio togliessimo il numero chiuso quella facoltà probabilmente perderebbe quell’aura di élite e garanzia futura di trovare uno sbocco lavorativo mentre oggi è quasi assicurato”. Avvalorando la discesa degli iscritti a giurisprudenza dovuta alla precarizzazione della professione, causa anche l’elevato numero di laureati.
https://www.facebook.com/CorriereUniv/videos/1797350803628792/
E proprio sul numero chiuso a medicina i 5 Stelle propongono un numero “aperto” con modello “alla francese” con uno sbarramento dopo il primo anno (e una possibilità di ripetere l’esame), aumentato i posti disponibili e dando la possibilità di accreditarsi nelle materie già superate per altri corsi di studio compatibili. Un’altra proposta dei pentastellati è l’introduzione del dottorato industriale,  un percorso parallelo a quello accademico da fare nelle aziende che non potrà dare però sbocchi accademici. 
Sulla tematica calda dell’alternanza scuola-lavoro il giovane siciliano è perentorio: “Così com’è ci sembra un regalo a Confindustria. Senza una seria regolamentazione sono solo ragazzi che lavorano gratuitamente. Non siamo contro ma bisogna legarla al territorio facendola diventare davvero formativa e toglierne l’obbligatorietà”. E sugli sbocchi lavorativi la coordinatrice dell’Udu conclude: “”Occcore un cambiamento di percezione da parte del mondo del lavoro nei confronti della formazione universitaria, affinchè essa sia valorizzata”
 
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Più facile studiare e fare ricerca in Italia: pronte le regole per attrarre cervelli

Next Article

Berrypost elettorale, oggi ospiti Giammarco Manfreda della Rete studenti medi e Mattia Zunino dei Gd

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.